bouquet home

Vi ho portato un fiore

Questo piccolo posto riesce ancora a stupirmi. Nato in un momento in cui sentivo l’irrefrenabile bisogno di condividere felicità e bellezza, sta crescendo lentamente, accompagnandomi, indubbiamente a vanvero e assolutamente a casaccio, per vie felici e bellissime.

Le vie che conducono a persone come Silvia.

Silvia Robertelli, designer di Bouquet Transporable, è vera bellezza, gentile felicità e un’irrompente quanto delicata passione, un’anima creativa che mi ha veramente colpito.
Il suo progetto è poetico ed elegante, profondo, così bello che non potevo non condividerlo con voi.

Sto preoccupantemente eccedendo in superlativi per cui lascio che sia Silvia a presentarsi.

Rullo di tamburi, peppereppepè:


Ciao Silvia Benvenuta!
Raccontami qualcosa di te.

BouquetTransportable_09Ciao Paola, grazie per l’ospitalità!

Mi presento: sono Silvia, ho 27 anni e sono tornata a vivere a Genova dopo qualche esperienza fuori – ho studiato all’Isia di Urbino e, ormai un po’ di tempo fa, vissuto un anno in Francia.

Lavoro come grafica e illustratrice freelance ma sto riscoprendo anche il design del prodotto (che è stato l’inizio del mio percorso di studi) attraverso progetti come il Bouquet Transportable ma anche Mahramatun, collaborazione con un’amica architetto del verde con la quale creiamo manufatti artigianali in ceramica e macramé.

Faccio parte del gruppo di illustratori genovesi Rebigo, con cui portiamo avanti autoproduzioni e vari progetti legati all’ illustrazione e al diffondersi di una cultura del visivo, anche in collaborazione con altre realtà locali.

Per il resto, amo viaggiare e cimentarmi – anche da autodidatta – nelle lingue straniere (sulla lista ora c’è il tedesco…); adoro il sole, il mare, la natura, la buona compagnia, il buon cibo e ballare swing!

Che cosa è Bouquet Transportable?

BouquetTransportable_02Bouquet Transportable è un kit per creare il proprio bouquet di carta: una busta quadrata contiene un biglietto da dedicare (rigorosamente a mano), le istruzioni, il filo di rame necessario e il giusto numero di fiori, foglie, api ed altri piccoli elementi di carta.

È disponibile in quattro lingue perché è nato per essere spedito per posta ai 4 angoli del mondo, ma viene altrettante volte consegnato a mano; spesso, a chi viaggia molto o si sta per trasferire all’estero. Una volta costruito, quindi, diventa una piccola scultura di carta da portare con sé di trasloco in trasloco.

Cosa vorresti che portassero con sé le persone che acquistano un Bouquet?

BouquetTransportable_03Vorrei che il Bouquet Transportable fosse, per chi lo riceve in dono o per chi se lo è regalato, un momento di lentezza creativa, un momento di cura di sé e della parte più infantile di noi, perché in fondo è un gioco contemplativo.

[Avete capito perchè la adoro, vero?]

Mi piace sentirmi raccontare il momento preciso in cui ognuno costruisce effettivamente il proprio bouquet (comprato o ricevuto in regalo), momento mai casuale: c’è chi aspetta un anno per farlo perché “la casa non è ancora abbastanza BouquetTransportable_05a posto” (lo sarà mai? :) ), chi lo ha comprato anni prima ma non lo ha costruito finché non è andato “a vivere da solo”. Una ragazza tedesca che ha deciso che il suo bouquet inaugurerà la casa in cui vivrà con il suo compagno francese – non sanno quando, non sanno dove. Un ragazzo colombiano in Italia per un master, che lo costruirà quando tornerà a casa sua a Bogotà.

Ogni storia è unica e sarebbe curioso sapere quanti bouquet vengano effettivamente costruiti nel giro di poco tempo – non troppi, credo: questa mezz’ora di tempo lento e concentrazione necessaria per costruire un piccolo oggetto in un certo senso inutile, diventa spesso come un rituale di un passaggio e un atto simbolico.

 


Ora, potevo io non innamorarmi follemente di un progetto così?

No.

E nemmeno voi.

Queste sono le storie che voglio leggere, i progetti che voglio sostenere, perchè alla fine tutti noi, al netto delle nostre frenetiche esistenze, cerchiamo solo qualche momento di felicità e di lentezza.

Grazie di cuore Silvia per aver scelto di raccontarti qui.

spilla L02 indossataQuesta sera Silvia sarà da Papê, il laboratorio-bottega in Vico del Duca, qui a Genova, per presentare Bouquet Transportable e la sua nuova linea di bijoux .

Ovviamente io andrò, non vedo l’ora di conoscerla e abbracciarla fortissimo.

 

Voi venite?

 

 

Spread the love!

paola blu2

Related Posts

No Comments

Leave a Reply