copertaaga

Come, Tell Me How You Live

Agatha, ogni volta che leggo un tuo libro ti amo un po’ di più.  Ho adorato alla follia ognuno dei tuoi gialli ma con questo racconto  autobiografico mi hai definitivamente conquistata .

Ve lo dico subito, qui non muore nessuno. Niente avvelenamenti né accoltellamenti. Viaggiare è il mio peccato è la cronaca del viaggio di Agatha Christie in Siria al seguito del marito archeologo.

Agatha Mary Clarissa Miller a 8 anni (1898)

Agatha Mary Clarissa Miller a 8 anni (1898)

Credo aver letto tutti i libri di Agatha Christie è in assoluto una delle mie scrittrice preferite, eppure non conoscevo quasi nulla della sua vita privata.

Christie non era il suo vero cognome, si chiamava Agatha Mary Clarissa Miller, Christie era il cognome del suo primo marito, pilota della Royal Flying Corps nonché  schifoso traditore. Archie Christie tradiva la moglie con la segretaria (la segretaria… ma io dico sei il marito della più grande giallista del mondo e la tradisci con la segretaria???) e divorzierà da Agatha lasciandola sola con la figlia di 6 anni. Affrontare un divorzio non è mai facile figurarsi nel 1926, figurarsi per una donna che oltre all’ex marito deve affrontare pettegolezzi e pregiudizi.

 

Agatha Christie

Agatha Christie

Dopo un periodo di grande depressione Agatha decide di cominciare una nuova vita e partire. Sarà proprio sull’ Orient Express che conoscerà Max Mallowan, un giovane  archeologo  di 14 anni più giovane di lei (fedifrago prprprprprprp).

I due si sposeranno dopo poco.

Viaggiare è il mio peccato è l’ironica cronaca dell’avventura archeologica in Siria al seguito del marito, il titolo originale è Come, Tell Me How You Live e il vero peccato qui è che lo abbiano tradotto.

Leggere la più grande scrittrice inglese parlare di sè con ironia e sagacia, mentre sceglie gli abiti per il viaggio alle prese con commesse che le consigliano di cercarli nel reparto taglie forti è meraviglioso. Avrei voluto baciarla forte quando scrive divertita che il marito le chiede di sedersi sulla valigia per chiuderla.

Agatha and Max Mallowan

Agatha and Max Mallowan

Anche lei portava in viaggio troppe scarpe. E se ne fregava!

Il racconto di questa borghese signora alle prese con un viaggio che ben pochi nel 1930 avrebbero affrontato è a tratti esilarante.

Come era bella la Siria, nelle parole della Chirstie mi immagino una Aleppo imponente e meravigliosa, luoghi  abitati da un popolo fiero delle proprio tradizioni. Ma tutto questo è stato prima che la follia dell’uomo si abbattesse su di loro.

 

 

Le donne autoironiche sono le mie preferite.
Le donne autoironiche capaci di uccidere in 100 modi diversi le mie scrittrici preferite.

 

Titolo: Viaggiare è il mio peccato
Titolo originale: Come, Tell Me How You Live
Autore: Agatha Christie
Traduttore: Alessandro Ceni
EditoreMondadori
Collana: Oscar scrittori moderni
Pagine: 256 p.

 

paola blu2

Related Posts

No Comments

Leave a Reply